coworking Rennes

Il modello di coworking sta prendendo piede

il coworking è un concetto apparso circa dieci anni fa e la cui popolarità ha continuato a crescere.

Nel 2020, questo settore ha dovuto affrontare sfide senza precedenti a seguito dell'arrivo della pandemia di Covid-19 e delle conseguenti restrizioni. Tuttavia, nonostante questa crisi sanitaria, la modella sembra aver riacquistato il pelo della bestia. Lionel Richard possiede uno spazio di coworking situato ad Auteuil-le-Roi, nel centro della città. Battezzata “À La Fraîche”, la sua casa di campagna di 170 m2 ha uffici privati e spazi nomadi, divani, caminetti, una cucina attrezzata e un grande televisore. Può ospitare fino a 12 collaboratori. Lionel spiega: “L'idea fin dall'inizio era di condividere questo spazio. È fatto per le persone che lavorano in telelavoro e che sono stanche di lavorare da sole. Vedere persone, creare sinergie tra professioni, ecco cosa è interessante! » Tuttavia, alcuni temono che lavorare da casa non metta in discussione il modello attraente degli spazi di coworking. In questo contesto, i numeri parlano da soli. Ad esempio, il gruppo IWG, un fornitore globale di spazi di lavoro flessibili, ha registrato un aumento di +31 % nell'ottobre 2020, a dimostrazione del crescente interesse dei dipendenti per questi luoghi.

I vantaggi del coworking sono molti

Gli spazi di telelavoro e coworking non si escludono a vicenda. Il ricorso alla prima può infatti favorire l'accesso alla seconda. Inoltre, i vantaggi del coworking sono numerosi. Tra questi, possiamo citare in particolare:

  • pause più piacevoli grazie ai vari spazi messi a disposizione come la zona cucina, la sala giochi o anche gli spazi esterni (terrazza, giardino, ecc.);
  • una migliore qualità della vita grazie alla possibilità di beneficiare di uno spazio incentrato sul benessere, lontano dai rumori e dai fastidi visivi della città;
  • una riduzione dei costi relativi agli oneri immobiliari, perché è il proprietario che si occupa della manutenzione e dei lavori di ristrutturazione;
  • nuove opportunità professionali come il networking e la collaborazione interdisciplinare.
Per saperne di più:   I migliori spazi di coworking a Nantes: indirizzi e prezzi

2023: anno cruciale per il coworking?

Samuel Durand, autore dei documentari Work in Progress, del fumetto Et si on travailrait autre e della newsletter Billet du Futur, è uno degli osservatori ottimisti sul coworking. Spiega: “Nonostante il telelavoro, questi spazi sono essenziali nel panorama delle nuove aziende che stanno testando i mercati e che hanno bisogno di spazio per i propri dipendenti, senza impegno”. Pertanto, il futuro dovrebbe consentire di migliorare l'attività degli spazi di coworking.

Come prova, Xavier de Mazenod lo osserva "Milioni di europei hanno capito che possono lavorare da qualsiasi luogo e questa flessibilità è la promessa di un cambiamento fondamentale nel modo in cui vedono il loro lavoro". Secondo alcuni specialisti, il 2023 sarebbe quindi un anno chiave per il coworking. È infatti possibile che questo segnerà la fine dell'era del telelavoro e il graduale ritorno a modalità di lavoro ibride, che uniscono attività a distanza e presenza fisica. Una cosa è certa: il rapporto con il nostro lavoro e con i nostri luoghi di lavoro non sarà più lo stesso.

Fonti